Ti trovi qui:AlParco / Interviste / Asparago selvatico, l'esperto risponde a tutte le curiosità
Venerdì, 18 Aprile 2014 00:00

Asparago selvatico, l'esperto risponde a tutte le curiosità In evidenza

Scritto da Rocco Perrone

SATRIANO – Si terrà il 25 Aprile a Satriano di Lucania presso il ristorante La Botte la terza edizione della Sagra dell'Asparago Selvatico Lucano organizzata dalla rivista Al Parco e dall'associazione Orti del Melandro con il patrocinio del Comune di Tito e del Dipartimento all'agricoltura della Regione Basilicata. Il programma prevede alle 10:00 un'escursione didattica alla ricerca degli asparagi selvatici, a seguire pranzo completo a base di asparagi e nel pomeriggio foto ricordo dal terrazzo della Torre di Satriano. Per info e prenotazioni: 3295320026.

Abbiamo intervistato Felice Lapertosa, laureato in Tecnologia Agrarie all'Università degli Studi della Basilicata, attualmente Presidente dell'Associazione di produttori agricoli Orti del Melandro che ci parla dell'asparago selvatico.

Raccontaci qualcosa sull'asparago, cosa è?
L'asparago selvatico è una specie spontanea appartenente al genere dell'Asparagus officinalis che cresce in tutta la Macchia Mediterranea ed in particolar modo in Basilicata nord Occidentale, tra le altitudini della collina e le montagne dell'Appennino Lucano. Questa pianta di origine eurasiatica, più precisamente del Medio Oriente, viene riconosciuta ed apprezzata per i suoi principi attivi salutistici e le qualità organolettiche raffinate.

asparagi_selvatici_-_melandring3

Asparagi melandrini

Dott._Felice_Lapertosa

Felice Lapertosa

Quali sono dunque i benefici per l'organismo?
L’asparago è povero di sodio, più ricco in minerali quali ferro e calcio, ma contiene soprattutto potassio e fosforo, importanti precursori della vitamina A, C e dell'acido folico. L’asparagina è abbondante in questa specie e si tratta di un aminoacido essenziale, che cioè non viene prodotto dal nostro organismo e ne assumiamo esclusivamente attraverso l'alimentazione.

Quando è tempo di raccoglierlo?
Dalla primavera fino al mese di giugno ne raccogliamo i turioni, ovvero i germogli teneri che si originano dal rizoma, un particolare apparato radicale sotterraneo.
Essi ne costituiscono la parte edule e crescono all'ombra della pianta madre chiamata asparagina, che resta vitale per più di qualche anno ed in settembre produce delle piccole bacche verdi sferiche che contengono i semi con cui si propaga grazie al vento.

Molte persone provano a piantare l'asparagina nel proprio giardino per avere i selvatici a portata di mano, proviamo a dare qualche indicazione?
E' comune trovare in Agricoltura l'asparago di allevamento che appartiene ad un'altra specie, mentre l'Asparagus acutifolius, che è quello che nasce spontaneo si può trapiantare in vaso od in giardino, avendo cura di recuperare tutto l'apparato radicale, senza lesionare il rizoma con le sostanze di riserva e le nuove gemme pronte ad uscire. Da farsi in terreno leggero, bruno e ricco di humus. Da tenere all'aperto.

Sfatiamo un mito: l'urina puzza perchè l'asparago “purifica”?
Esatto, la classica molecola che dona odore alle urine , dopo aver consumato l'asparago si chiama metil-mercaptano, ed è una molecola aromatica, appunto profumata, contenuta nel turione che passa dal nostro organismo e viene scartata attraverso le urine; in questo modo dà la sensazione di aver purificato dalle scorie il nostro organismo, invece è bene ricordare che consumare dosi eccessive di asparago, può appesantire il sistema renale, per la presenza di molecole e altre sostanze contenute nel germoglio.

Sagra dell'Asparago a Satriano di Lucania, info e programma

 

 


CAPODANNO IN BASILICATA

weekend basilicata

IvyTour

ESCURSIONI E VISITE GUIDATE VIAGGI E VACANZE AVVENTURA IN BASILICATA

Tour Operator in Basilicata

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca in basso su Approfondisci.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Questo banner non è una nostra scelta, ma un obbligo di legge.