Ti trovi qui:AlParco / Riti Mariani in Basilicata / Festa del grano di Episcopia

Festa tradizionale tra religione, folklore e storia, con la tipica danza del falcetto

Riconosciuta tra le Mille Meraviglie d’Italia, la Festa del Grano di Episcopia è una rappresentazione  propiziatoria e allegorica che viene rappresentata nei giorni della festa in onore della Madonna del Piano.

Il 4 e 5 Agosto, la statua della madonna è seguita da una processione in cui spiccano i covoni di grano, chiamati scigli e gregna. Si tratta di piccoli capolavori dell’artigianato locale composti da mazzetti di grano legati ad una struttura di legno; i primi portati a spalla da due persone, le seconde tenute in equilibrio sul capo, generalmente da donne. Rappresentano il segno visibile del ringraziamento al cielo per l’abbondanza del raccolto e vengono portati in giro per il paese accompagnati da donne e uomini abbigliati come fossero contadine e contadini di qualche secolo fa.

Armati di falci e mazzi di spighe i contadini si muovano mimando il ritmo della falciatura, nella caratteristica “danza del falcetto”. Si tratta di una rievocazione pantomimica del tentativo di ribellione del popolo alle vessazioni dei signorotti locali durante l’epoca dell’Unità d’Italia, che secondo la leggenda si placò per merito della statua della Madonna: i contadini alla vista della sacra immagine, abbandonarono la rivolta e seguirono, armati di falci e mazzi di spighe, la statua della Vergine per le vie del paese.

Una leggenda che vive ancora oggi e che di anno in anno si rinnova per le vie del paese.

 

PRO LOCO EPISCOPIA

COMUNE DI EPISCOPIA

 

 


Ponte alla Luna right

weekend basilicata

IvyTour

ESCURSIONI E VISITE GUIDATE VIAGGI E VACANZE AVVENTURA IN BASILICATA

Tour Operator in Basilicata

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca in basso su Approfondisci.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Questo banner non è una nostra scelta, ma un obbligo di legge.