Ti trovi qui:AlParco / Riti e tradizioni / Carnevale lucano / Carnevale trecchinese

Maschera simbolo del Carnevale trecchinese è la figura del "Cantacronze", l'esecutore cioè di canti di quartine in vernacolo, variamente rimate, detti appunto "cronze".

E' un pastore vestito con giacca di pelle di agnello con pelliccia rovesciata all'esterno, il cappellaccio e, ai piedi," 'e zampitti", cioè scarpe costituite da una base di cuoio che difende la sola pianta del piede e da corregge che si legano intrecciate alla gambe.

Accompagna il suo canto con il "cupe-cupe" uno strumento costituito da una membrana di pelle o da una vescica di maiale o anche da una tela, legata sull'apertura, in genere sempre piuttosto larga, di un recipiente di coccio, di legno a doghe o di un unico blocco, o anche di lamiera dal quale il suono è ottenuto dallo strofinio prodotto dalla mano bagnata sulla canna.

Fonte



Da Matera ad Aarhus in bici elettrica per raccontare la sostenibilità in cultura.

Mast2019

Dove mangiare, dove dormire, biglietti Ponte narrato, kit per le vie ferrate, escursioni, rifugio.

Ponte alla Luna, Sasso di Castalda (PZ)

Il Rifugio Al Parco a Sasso di Castalda (PZ)

Il Rifugio Al Parco

IvyTour

VACANZE STUDIO E TIROCINI FORMATIVI INCOMING ESCURSIONI E VISITE GUIDATE VIAGGI E VACANZE

Tour Operator in Basilicata

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca in basso su Approfondisci.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Questo banner non è una nostra scelta, ma un obbligo di legge.