Ti trovi qui:AlParco / Notizie / Ambiente / Giornata delle Oasi al Pantano di Pignola: la migliore risposta ai vandali

Giornata delle Oasi al Pantano di Pignola: la migliore risposta ai vandali

Scritto da

Dopo il grave episodio del furto all'Oasi WWF di Pignola grande successo di pubblico al Pantano per la giornata delle Oasi 2012

Danni per 10.000 euro. La Cooperativa NovaTerra: “abbiamo bisogno dell'aiuto di tutti”

Nella notte tra il 14 ed il 15 maggio presso l'oasi wwf Lago Pantano di Pignola è stato effettuato da ignoti un furto che rischia di mettere in ginocchio la gestione dei servizi e la sopravvivenza stessa della Cooperativa NovaTerra.

Sono state rubate attrezzature varie e prodotti danni a porte, finestre, e altre strutture per un valore superiore a 10.000 euro, una cifra davvero notevole che avrà sicuramente ripercussioni ulteriori sull' attività già non semplice condotta dalla Cooperativa, che in virtù di una convenzione con il WWF gestisce da più di un decennio l’area protetta .

Il piano di rilancio che NovaTerra stava cercando di attuare mettendo in campo con le "forze rimaste", attraverso la programmazione di una serie di iniziative di carattere culturale ed educative per rilanciare il ruolo della riserva stessa nel territorio regionale, subisce infatti dopo questo episodio una battuta d'arresto notevole.  

La Cooperativa NovaTerra ha chiesto perciò alle istituzioni ed ai cittadini, che siano essi amici, assidui frequentatori del luogo, semplici appassionati, alunni o soccorritori di fauna selvatica, sostegno ed aiuto per risollevarsi da questo colpo contribuendo ciascuno secondo i propri ruoli e le proprie possibilità. 

E l'invito sembra essere stato subito raccolto considerato il grande successo registrato ieri domenica 20 Maggio in occasione della "Festa delle Oasi" in Basilicata, tenutasi anche al Pantano di Pignola oltre che a Policoro.

DSC_0318 

Nella Foto "Il pranzo offerto dai gestori del'Oasi di Pignola" di www.ceapollinobasilicata.com


Notevole è stata infatti la presenza di pubblico nell'area protetta, soprattutto nel pomeriggio con oltre 1000 persone che hanno visitato La Riserva Naturale Regionale Oasi WWF Pantano di Pignola e hanno preso parte alle numerose attività proposte. I fortunati presenti hanno potuto ammirare il Visite Centro Recupero Animali Selvatici della Provincia di Potenza ed assistere per l'occasione all'immissione in natura di uno sparviero assistito dal Centro.

Hanno poi potuto muoversi tra i numerosi stand allestiti durante la giornata tra i quali quelli dell' Associazione delle Guide Ufficiali del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano, del nostro “Al Parco”, della Coop. Bioflores miele biologico e prodotti delle api, della Birra artigianale Br’hant, nonché di prodotti tipici locali, e di mercato equo e solidale.

Tra le attività proposte segnaliamo il laboratorio di disegno, fumetto e illustrazione a cura di “Redhouselab” (questo il loro sito internet www.redhouselab.com), il laboratorio di Musica a cura dell’associazione culturale “Spazi di Risonanza” e la proiezioni di foto naturalistiche scattate nell’Oasi da Fotografi di tutta Italia.

Presente per l'occasione anche il Cea Pollino, che da subito si è mosso in sostegno dei colleghi di Pignola colpiti dal grave atto di vandalismo da parte di ignoti (http://www.ceapollinobasilicata.com/2012/05/aiutiamo-loasi-di-pignola.html?spref=tw) e anche nella giornata di ieri ha voluto far sentire il proprio calore e la propria vicinanza all'Oasi WWF del Pantano.

 

 


weekend basilicata

IvyTour

ESCURSIONI E VISITE GUIDATE VIAGGI E VACANZE AVVENTURA IN BASILICATA

Tour Operator in Basilicata

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca in basso su Approfondisci.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Questo banner non è una nostra scelta, ma un obbligo di legge.