Ti trovi qui:AlParco / Primo Piano / Storica Peregrinatio della Madonna del Sacro Monte di Viggiano
Lunedì, 08 Ottobre 2012 07:27

Storica Peregrinatio della Madonna del Sacro Monte di Viggiano

Scritto da

La Madonna di Viggiano lascia il suo Santuario per peregrinare nelle terre dell'antica Lucania

Il viaggio proseguirà sino al 31 ottobre toccando importanti paesi della Lucania e del Vallo di Diano

Nel corso di quest’Anno sarà utile invitare i fedeli a rivolgersi con particolare devozione a Maria, figura della Chiesa, che “in sé compendia e irraggia le principali verità della fede” (LG 65). E’ dunque da incoraggiare ogni iniziativa cha aiuti i fedeli a riconoscere il ruolo particolare di Maria nel mistero della salvezza, ad amarla filialmente ed a seguirne la fede e le virtù. A tale scopo risulterà quanto mai conveniente effettuare pellegrinaggi, celebrazioni ed incontri presso i maggiori Santuari” (Dalla Nota con indicazioni pastorali per l’Anno della Fede della Congregazione per la Dottrina della Fede, 6 Gennaio 2012).

Fedele a queste indicazioni della Congregazione per la Dottrina della Fede, emanate in vista dell’anno della Fede, che avrà inizio il prossimo 11 Ottobre 2012, il Santuario Regionale della Madonna del Sacro Monte di Viggiano, Regina e Patrona della Lucania, si accinge a rivivere una delle esperienze pastorali tradizionalmente più attese: la visita – il termine “tecnico” è Pereginatio Mariae – dell’immagine originale della Madonna ad alcune delle comunità storicamente più vicine ed affezionate.

L’iniziativa, promossa dal Rettore del Santuario e concordata con i Vescovi interessati, non è certo nuova: la prima Peregrinatio, infatti, risale al 1949, in preparazione al Giubileo dell’anno successivo, mentre, in tempi più recenti, ne sono state celebrate altre due: la prima a cavallo tra il 1998 ed il 1999, in preparazione al Grande Giubileo del 2000, e la seconda nell’Ottobre 2003, a conclusione dell’Anno del Rosario, quando la Madonna sostò per una intera settimana nella Cattedrale di Potenza.

Una Peregrinatio del tutto speciale è stata anche la visita a Papa Benedetto XVI, tra il 31 Dicembre 2010 ed il primo Gennaio 2011, in occasione dell’annuale Giornata Mondiale della Pace, quando il mondo intero ha potuto ammirare la Patrona dei lucani accanto al Successore di Pietro nel magnifico scenario della Basilica Vaticana.

Il nuovo appuntamento, che segnerà anche per la nostra regione l’inizio dell’Anno della Fede, voluto dal Papa per commemorare i cinquant’anni dall’indizione del Concilio Vaticano II, vedrà interessate 9 comunità sparse tra la provincia di Potenza e quella di Salerno, specie nel Vallo di Diano, parte essenziale di quella che un tempo fu l’antica Lucania.

Ad accogliere la Madonna per prima sarà Laurenzana, nel pomeriggio di Domenica 7 Ottobre. Seguiranno Senise (dal 10 al 14 Ottobre); Picerno (dal 14 al 18 Ottobre); Fisciano (dal 18 al 21 Ottobre); San Cipriano ai Picentini (Domenica 21 Ottobre); Polla (dal 21 al 25 Ottobre); Petina (dal 25 al 26 Ottobre); Caggiano (dal 26 Ottobre al 28 Ottobre) ed infine Sala Consilina (dal 28 al 31 Ottobre).

Il rientro della Madonna a Viggiano, la cittadina che dagli inizi del secondo millennio si vanta di custodirne la preziosa immagine, è previsto per il pomeriggio di Mercoledì 31 Ottobre 2012.

Grande è l’attesa in tutte le comunità interessate, dove i Parroci hanno messo a punto ambiziosi programmi pastorali, ricchi di eventi e di occasioni di preghiera.

Non meno rilevante anche l’aspetto per così dire “civile” della visita, dal momento che si tratterà di accogliere la “prima cittadina della Basilicata”, colei che da sempre la gente lucana venera come sua Regina e Patrona e che da secoli costituisce una sorta di emblema riconosciuto della sua storia e della sua identità.

Nelle parole del Rettore del Santuario, don Paolo D’Ambrosio, il significato dell’evento:

“Che la Lucania vanti una splendida memoria cristiana e mariana credo sia un dato incontrovertibile: per secoli la cultura della nostra gente, come il suo sentire, hanno parlato cristiano. Altrettanto incontestabile, però, é la difficoltà che tutti riscontriamo, a livelli diversi, a trasmettere questo

patrimonio alle nuove generazioni, a coniugare cioè memoria e progresso. La Lucania che la Madonna si accinge ad incontrare nei prossimi giorni non é certamente la stessa che incontrò negli anni '50. Anni difficili quelli, eppure animati da un sogno, da una speranza: di ricostruire, di ricominciare. Anni decisamente più comodi i nostri, eppure così vuoti di entusiasmo, di progettualità, di speranza nella possibilità di costruire insieme un mondo diverso e migliore. Cosa viene a dire la Madonna - mi sono chiesto - a questa Lucania? Mi piace pensare alla Peregrinatio che ci accingiamo a vivere come ad un grande appello di Maria alla fiducia e alla speranza: "Ritrova, o terra di Lucania, la tua dignità, la tua laboriosità, la tua tenacia, la tua moralità. Ritrova soprattutto la tua volontà di lottare, quella stessa che ti ha consentito di superare tanti momenti difficili della tua storia. Ritrova le tue radici cristiane, e a partire da esse sogna un domani diverso, lavorando con generosità perché i tuoi figli possano vivere in un mondo più giusto e solidale, in un mondo finalmente pacificato e consapevole di essere chiamato ad un destino di luce che va al di là dei confini di questo spazio e di questo tempo".

 

Pierluigi Maulella Barrese

Ufficio Stampa del Santuario


CAPODANNO IN BASILICATA

weekend basilicata

IvyTour

ESCURSIONI E VISITE GUIDATE VIAGGI E VACANZE AVVENTURA IN BASILICATA

Tour Operator in Basilicata

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca in basso su Approfondisci.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Questo banner non è una nostra scelta, ma un obbligo di legge.