Ti trovi qui:AlParco / Speleologia Lucana / Le grotte del Patricello

Le grotte del Patricello

Scritto da

 Rivello - Era il 1870 quando il Giuseppe Bellinfante, dopo aver bonificato un terreno, decise di farsi  calare in quella buca che era subito sembrata molto profonda. Con strumenti rudimentali scese per  15 metri, buttò pietre ad ogni lato senza toccare pareti e solo dopo molti secondi sentì il tonfo delle  stesse al contatto con la base della grotta. Ipotizzò che il percorso dell’antro potesse svilupparsi per  tutta la montagna del Coccovello fino a raggiungere il mare. Attrezzato con 200 litri di pittura rossa la  riversò nell’inghiottitoio … ebbene dopo sette ore uscì nel mare di Acquafredda. Da allora le ricerche sono continuate e hanno dato definitiva conferma del collegamento con la meravigliosa Grotta del Dragone, situata a pochi metri dal mare e esplorata per circa 3 chilometri. L’Inghiottitoio del Patricello è il principale punto d’assorbimento dalla piana omonima. L’entrata si affronta superando un pozzo di circa 8 metri, le esplorazioni si sono spinte per circa 200 metri fino a un sifone che ostruisce il passaggio. In questi giorni un gruppo di speleologi sta cercando di superare l’ostacolo per raggiungere finalmente il mare attraversando la montagna del Coccovello.

Altro in questa categoria: Il posto più lontano da Dio »

CAPODANNO IN BASILICATA

weekend basilicata

IvyTour

ESCURSIONI E VISITE GUIDATE VIAGGI E VACANZE AVVENTURA IN BASILICATA

Tour Operator in Basilicata

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca in basso su Approfondisci.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Questo banner non è una nostra scelta, ma un obbligo di legge.