Ti trovi qui:AlParco / Archivio news / Orso a Satriano / Orso a Satriano. Comincia a far paura
Venerdì, 07 Marzo 2008 17:04

Orso a Satriano. Comincia a far paura

Scritto da Rocco Perrone
Vota questo articolo
(0 Voti)
Articolo pubblicato sul Quotidiano della Basilicata dell'8 Marzo 2008 a firma di Rocco Perrone

Satriano – L’orso continua a tenere alta la tensione nel piccolo paese lucano. Giorno dopo giorno continua a mietere le sue vittime. Ancora un avvistamento è avvenuto l’altro ieri in una zona molto vicina al paese, circa un chilometro dal centro abitato. La casa oggetto della violenza dell’animale è situata in contrada Passariello, sotto il ponte Melandro della statale 95. Nottetempo l’orso si è avvicinato alla casa uccidendo il cane di guardia staccandogli la testa. Si è poi rivolto direttamente verso l’abitazione sbattendo contro la porta e i muri. Momenti di terrore da parte della famiglia che vive in quella casa.

Finalmente la pioggia è arrivata, si spera con questo di riuscire a mettersi sulle tracce del mammifero seguendo le sue orme. Continuano i sopralluoghi da parte della Guardia Forestale con la collaborazione della Polizia Provinciale e dei Vigili Urbani di Satriano. Anche ieri è stata fatta una perlustrazione ma per il momento ancora niente di concreto. La popolazione auspica l’utilizzo di un elicottero o di personale specializzato. Dopo l’ultimo episodio c’è preoccupazione nei visi dei satrianesi, bisogna assolutamente catturarlo e al più presto prima che succeda qualcosa di grave. Nessuno voleva crederci ma adesso l’orso comincia a far paura.

Letto 6985 volte Ultima modifica il Venerdì, 17 Febbraio 2012 17:21

weekend basilicata

IvyTour

ESCURSIONI E VISITE GUIDATE VIAGGI E VACANZE AVVENTURA IN BASILICATA

Tour Operator in Basilicata

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca in basso su Approfondisci.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Questo banner non è una nostra scelta, ma un obbligo di legge.